Astradoc “Viaggio nel cinema del reale”, gli appuntamenti di maggio

stop the

Maggio di monumenti e di cinema.  Raddoppiano a maggio, infatti, gli appuntamenti con il cinema documentario a cura di Arci Movie, Parallelo 41, COINOR e Università degli Studi di Napoli Federico II presso il cinema Astra di via Mezzocannone a Napoli.  Dal 4 al 18 maggio, ogni lunedì, la terza edizione de ‘Il Mese del Documentario’, organizzata da Doc/it, amplierà l’offerta del cinema documentario a Napoli proponendo uno sguardo d’eccezione sul cinema del reale contemporaneo, sulle sue storie e sui suoi modi di raccontare, in collaborazione con ‘Astradoc – Viaggio del cinema del reale’. La manifestazione propone il meglio del documentario italiano con 70 proiezioni contemporaneamente in 14 città, in Italia e in Europa. Roma, L’Aquila, Bari, Milano, Napoli, Nola, Noto, Nuoro, Palermo, Trieste e per l’estero Berlino, Grenoble, Londra e Parigi.
Un intero mese in cui saranno proiettati i cinque film finalisti che concorrono al Doc/it Professional Award per il miglior documentario dell’anno. Protagonista anche il pubblico di tutte le 14 città coinvolte che sceglierà il miglior documentario italiano dell’anno esprimendo il proprio voto alla fine di ciascuna proiezione. Il Mese del documetario è un’iniziativa di Doc/it – Associazione Documentaristi Italiani promossa insieme a 100 autori, con il sostegno del MiBACT – Direzione Generale Cinema e in collaborazione con il Centro Sperimentale di Cinematografia e la Casa del Cinema di Roma, gli Istituti di Cultura di Berlino, Londra e Parigi.
Il primo appuntamento a Napoli presso il cinema Astra è previsto lunedì 4 maggio con il film STOP THE POUNDING HEART di Roberto Minervini (alle 19.30), che porta sullo schermo il delicato ritratto di Sara, primogenita di una numerosa famiglia di allevatori del Texas cresciuta secondo i precetti della Bibbia. Quello di Minervini è, più in generale, un film sull’esplorazione dell’adolescenza, della famiglia e dei valori sociali, dei ruoli di genere e della difficile convivenza fra giovinezza e religione nell’America rurale. Minervini, tra l’altro, è tra gli italiani attualmente in concorso a Cannes nella sezione ‘Un certain regard’ con il film LOUISIANA.
A seguire (ore 21.00), SMOKINGS di Michele Fornasero che sarà presente in sala per incontrare il pubblico. Stile gangster movies racconta la sfida alle multinazionali del tabacco dei fratelli Messina, dall’inizio del loro business online nel 2000 alla fondazione nel 2013 di Yesmoke, unica fabbrica di sigarette in Italia, testimoniata da numerose interviste raccolte nei quattro anni di lavorazione, dall’ex Presidente dell’UE Romano Prodi all’economista Fariborz Ghadar. Le lotte dei fratelli Messina sono tuttora in divenire: nel novembre del 2014 sono stati arrestati con l’accusa di contrabbando di tabacchi lavorati ed evasione fiscale per 90 milioni di euro.
Nella stessa serata di lunedì 4 maggio inoltre, sarà presentato al pubblico il videoclip ESAME del rapper napoletano Dope One (Ivan Rovati De Vita) tratto dal nuovo disco DOPERA prodotto dall’etichetta indipendente made in Naples Jesce Sole e realizzato dai giovani allievi del Progetto FILMaP – Centro di formazione e produzione a Ponticelli – Dario Cotugno e Claudia D’Angelo.
Dietro questa scelta c’è la volontà precisa da parte della produzione e dell’artista di dare la possibilità a giovani di poter esprimere il proprio talento e nello stesso tempo affacciarsi nel mondo del lavoro grazie a nuove esperienze professionali piuttosto che rivolgersi a registi affermati. Il Progetto FILMaP, a cura di Arci Movie e sostenuto da Fondazione CON IL SUD, nell’ambito del bando “Progetti Speciali” e Innovativi 2010”, si pone l’obiettivo di costruire un centro di formazione e produzione cinematografica stabile nella periferia orientale della città.
Saranno presenti l’artista, i giovani registi e la produttrice Fiorita Nardi.
Gli appuntamenti proseguiranno lunedì 11 maggio con SACRO GRA di Gianfranco Rosi (ore 19.30), opera simbolo per gli amanti e i professionisti del settore per la sua storica vittoria del Leone d’Oro alla 70ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia. A seguire, alle 21.00, THE STONE RIVER di Giovanni Donfrancesco, vincitore di numerosi premi tra cui il Globo d’Oro al miglior documentario. In un’inquietante e poetica trasposizione della storia degli abitanti di un piccolo paese del Vermont che offrono la loro voce ai tagliatori di pietra europei immigrati lì all’inizio del ventesimo secolo.
E ancora, lunedì 18 maggio, ore 21,00, DAL PROFONDO di Valentina Pedicini che racconta la vita e le lotte di Patrizia, unica minatrice in Italia a scendere 500 metri sotto il livello del mare mostrando come a centinaia di metri sotto la terra si nasconda la vita. Presentato in anteprima al Festival Internazionale del Film di Roma 2013 ha vinto il premio come Miglior Documentario.
Con la programmazione del ‘Mese del Documentario’, sempre al cinema Astra, proseguono anche gli appuntamenti del venerdì di ‘Astradoc – Viaggio nel cinema del reale’, la ormai consolidata rassegna sul cinema documentario d’autore con anteprime, testimonianze e incontri con gli autori che da gennaio offre al pubblico partenopeo una selezione dei migliori documentari napoletani, italiani e dal mondo.
Venerdì 8 maggio serata speciale con il cinema di Joshua Oppenheimer per una doppia proiezione: THE ACT OF KILLING (105’) e THE LOOK OF SILENCE (99’), Gran premio della giuria a Venezia.71.
Interverrà in sala Antonia Soriente – Docente di Lingua e letteratura indonesiana dell’Università di Napoli ‘L’Orientale’.
Venerdì 15 maggio serata tutta partenopea con il documentario INSTABILE (50’) di Alessandro Chetta sulla ‘leggendaria’ figura di Michele Del Grosso, impresario teatrale che gestisce lo storico TIN, il teatro sotterraneo in vico fico al Purgatorio, nel ventricolo millenario di Napoli.
A seguire LA MALATTIA DEL DESIDERIO (52’) della giovane filmmakers, allieva di FILMaP- Atelier del Cinema del Reale, Claudia Brignone, ambientato nel quartiere Fuorigrotta dove, a parte lo stadio San Paolo, anzi esattamente sotto la curva A, sorge il ser.t: servizio per le tossicodipendenze. In questo quartiere, che la domenica si popola di tifosi, c’è un luogo che custodisce le storie di medici e pazienti. Il film dà voce a chi prova a uscire dalla “dipendenza”, definita dai medici “la malattia del desiderio”, per la quale ognuno sembra avere la sua terapia, anche se spesso si rivela soltanto un tentativo.
Infine RUSTAM CASANOVA (52’) di Lorenzo Cioffi e Alessandro De Toni sull’artista Rustam Duloev, in arte “Casanova”, un personaggio dai mille volti, senza fissa dimora, a volte gigolò, altre padre di famiglia, ma soprattutto artista.

Venerdì 22 maggio, Daniele Gaglianone sarà ospite di ‘Astradoc’ con il suo ultimo lavoro, presentato al TFF, QUI (120’), racconto in soggettiva di dieci valsusini che da 25 anni si oppongono con tenacia al progetto Tav Torino-Lione: cittadini qualsiasi che hanno scelto di lottare, ogni giorno. Dieci ritratti che raccontano la stessa amara scoperta: il tradimento della politica nazionale, accusata di aver abbandonato questa gente al loro destino, lasciandola sola a vedersela con la polizia antisommossa.
Precede la proiezione del film, il cortometraggio di Massimiliano Pacifico CENTOQUATTORDICI (11’) sull’omicidio assurdo di una ragazza di 22 anni, Gelsomina Verde, centoquattordicesima vittima della Camorra, finita per amore nella brutale lotta fra clan.
La rassegna ‘Astradoc – Viaggio nel cinema del reale’ 2015 chiuderà in grande con una serata speciale venerdì 29 maggio: ospite d’eccezione Erri De Luca che accompagnerà in sala il film LA MUSICA PROVATA di Emanuela Sana (ore 18.00).
Alle 20.30, sempre venerdì 29 maggio, l’attrice e regista Valentina Carnelutti, sarà presente in sala per presentare il suo pluripremiato cortometraggio RECUIEM (20’) e per finire, alle 21.00, IS THE MAN WHO IS TALL HAPPY di Michel Grondy che attraverso illustrazioni, fantasiose tecniche d’animazione e riprese in 16mm, anima una conversazione con Noam Chomsky, professore del MIT, libero pensatore e padre della linguistica moderna.

I commenti sono disabilitati