Vittime diabusi, sit-in al Duomo di Napoli il 7 e 8 aprile,”Per chiedere conto a Sepe di provvedimenti canonici”

 

Un sit-in di due giorni davanti al duomo di Napoli “per chiedere conto al cardinale Crescenzio Sepe e alla diocesi napoletana dell’esito dei procedimenti canonici” contro i sacerdoti accusati di violenze su minori. E’ l’iniziativa annunciata per il 7 e 8 aprile prossimi dall’associazione “Rete L’Abuso“, che raccoglie vittime di abusi commessi da sacerdoti.
La curia di Napoli è stata scossa negli ultimi mesi da alcuni casi di presunti festini gay ai quali avrebbero partecipato dei sacerdoti, e dal dossier – depositato dall’escort Francesco Mangiacapra – che denunciava l’esistenza, non solo nella diocesi partenopea, di una rete di preti omosex. Ma c’è stata anche la vicenda del parroco Silverio Mura, accusato da un uomo – oggi 40enne – di abusi risalenti a quando aveva 13 anni: vicenda su cui il Vaticano ha aperto un’inchiesta.

 

I commenti sono chiusi, ma trackbacks e i pingback sono aperti.