(Video) Rifiuti Zero: Intervista a Paul Connett

Portici come San Diego in California…e perchè no?!“: accolto nell’incantevole Villa San Gennariello, struttura alberghiera tra Portici ed Ercolano, Paul Connett, famoso chimico e tossicologo, ideatore di “Rifiuti Zero“, progetto che gli è valso una nomination al Nobel, racconta ai microfoni de L’Ora Vesuviana la nascita di “Zero Waste” e parla della situazione rifiuti in Italia e nel Napoletano: dalla Terra dei Fuochi, alla lotta agli inceneritori, dal business delle Mafie nella gestione dell’ “immondizia” all’esempio virtuoso di Bacoli nella raccolta differenziata.

In sinergia con l’associazione Motus (nell’intervista il presidente Luigi De Matteis), nata lo scorso anno con l’intento di educare alla raccolta differenziata, il Professor Connnett ha avviato una progettualità all’interno delle scuole porticesi per sensibilizzare i più giovani riguardo l’importanza di Rifiuti Zero.

 

Rifiuti Zero’, all’ENEA di Portici confronto con Paul Connett. Trasformare i rifiuti in risorsa.  Portici Innovazione coordinerà i progetti pilota.

Si è tenuto ieri l’incontro al Centro Ricerche ENEA di Portici tra i rappresentati delle realtà scientifiche presenti sul territorio e il professore Paul Connett (scienziato americano teorico della strategia rifiuti zero) alla presenza del sindaco, Nicola Marrone.

Concetti che saranno diffusi soprattutto nelle scuole con opportune azioni di divulgazione e progetti pilota.

Affideremo a Portici Innovazione– la proposta del Sindaco Marrone – il coordinamento tra i centri di ricerca e il professore Connett e la verifica di fattibilità di quanto emerge dai progetti sperimentali. L’obiettivo è facilitare i processi e consentire alle Amministrazioni pubbliche di poter usufruire dei risultati della ricerca per migliorare la vivibilità delle nostre città”.

L’incontro era mirato alla condivisione delle esperienze tecnico-scientifiche nel settore dei rifiuti, sul quale l’ENEA e l’Università di Napoli Federico II, con il Dipartimento di Agraria di Portici, sono per molti aspetti impegnati.

Le attività dei laboratori ENEA sono state illustrate dal dottor Ezio Terzini e dalla dottoressa Claudia Brunori (responsabile della divisione che studia l’efficienza dei processi e delle tecnologie eco-innovative) mentre per l’Agraria è intervenuto il direttore del Dipartimento, Paolo Masi.

La stimolante discussione sulla Zero Waste Strategy e sulle esperienze e buone pratiche già attuate in Italia su questa tematica ha motivato l’Amministrazione di Portici a lanciare nell’ambito di Portici Innovazione, il consorzio che comprende molte realtà scientifiche del territorio e non solo, un piano d’attacco al ciclo dei rifiuti della città in un’ottica che trasformi il problema in risorsa, raccogliendo le preziose indicazioni dei tecnici del settore e dello stesso professor Connett: voluto fortemente a Portici dal giovane consigliere comunale Mauro Mazzone

Pertanto l’Amministrazione locale, con Portici Innovazione, si propone quale portatrice di innovazione nell’impostazione del ciclo dei rifiuti urbani per il quale, citando lo stesso Connett, è ormai ineludibile diffondere ed applicare pratiche di riutilizzo delle cose (ripara e riusa) e del design innovativo dei prodotti finalizzato alla massimizzazione del riciclo.

 

 

Articolo e intervista a cura di Dario Striano

montaggio video: Serena Savarese

 

I commenti sono disabilitati