Vertenza Whirlpool, la vice ministro  Alessandra Todde si commuove alle immagini della lotta degli operai

Momenti di commozione per la viceministro Alessandra Todde allo stabilimento Whirlpool di via Argine a Napoli quando i lavoratori hanno raccontato la loro vertenza attraverso le immagini più significative della lotta contro la chiusura del sito. La vice ministro Todde é stata accolta da un lungo applauso dai lavoratori riuniti in assemblea.

Alla viceministro é stata donata anche la maglia con la scritta “Napoli non molla” ed un foulard.
“Abbiamo dato delle indicazioni sul tema del consorzio: non avremmo fatto sedere al tavolo delle aziende improvvisate o che non fossero serie. E per il fatto che sono aziende importanti e serie hanno necessità di capire quali sono le condizioni della società. Nessuna azienda seria entra in un sito a scatola vuota senza capire qual è il perimetro, quali le condizioni di bonifica e in questo momento stanno lavorando relativamente agli asset per capire quali sono le condizioni che Whirlpool pone per accedere a questi asset” ha affermato Todde a margine dell’incontro con sindacato e lavoratori nello stabilimento.

“Per quanto riguarda i lavoratori – ha aggiunto Todde – qualsiasi azienda che debba metter in piedi delle linee produttive ha dei tempi e degli investimenti da fare. Quindi bisogna capire intanto come coprire i lavoratori in questo momento di passaggio. Il rappresentante del consorzio al tavolo ha indicato chiaramente la data del 15 dicembre per la costituzione del consorzio, la presentazione del piano industriale e il riassorbimento nell’ambito delle manifestazioni di interesse che hanno ricevuto di tutto il contesto lavorativo”.
“Sicuramente il 15 dicembre per noi – ha concluso – è la data ultima. Noi abbiamo chiarito con le rappresentanze sindacali che ci saranno incontri perché non si vende un progetto a scatola chiusa. Nessun imprenditore si prende carico di una pressione mediatica così importante se non vuole sviluppare un contesto serio. Il consorzio deve lavorare sensatamente con dei tempi che sono i tempi degli imprenditori. E il fatto di essersi messi in gioco in un contesto così complicato è un segno di volontà”.

I commenti sono chiusi, ma trackbacks e i pingback sono aperti.