Spazio alla protesta togata: dall’informazione al corteo per la giustizia, le barricate degli avvocati

protesta avvocati vesuviano

Sant’Anastasia, 10 Febbraio :“LA GIUSTIZIA E’ PER TUTTI!! L’avvocatura nolana è contro la giustizia d’élite” recita, in rosso, il titolone di uno dei volantini distribuiti questa mattina presso un gazebo informativo installato alle porte del comune di Sant’Anastasia. Gli avvocati scendono in piazza e lo fanno a tutela dell’articolo 24 della costituzione: “Tutti possono agire in giudizio per la tutela dei propri diritti e interessi legittimi. La difesa è diritto inviolabile in ogni stato e grado del procedimento”. In particolare il Consiglio dell’ordine degli avvocati del circondario del tribunale di Nola comunica l’adesione alla manifestazione e all’astensione dalle udienze nei giorni 18, 19 e 20 Febbraio proclamate il 16 Gennaio dall’Assemblea dell’ O.U.A. (Organismo Unitario dell’Avvocatura).
Nei prossimi giorni saranno dunque allestiti stand informativi in prossimità dei presidi giudiziari dei maggiori comuni del vesuviano allo scopo di aggiornare i cittadini sulla questione e coinvolgere l’intero circondario. La manifestazione conclusiva di terrà a Roma il giorno 20 Febbraio il cui corteo partirà dalle ore 13:00 da Piazza della Repubblica fino ad arrivare a Piazza Santi Apostoli.
Di seguito le date e i luoghi dei prossimi presidi:
10 Febbraio a Sant’Anastasia: Ufficio giudice di pace (già tenutosi)
11 Febbraio a Nola: Ufficio giudice di pace
12 Febbraio a Marigliano: Ufficio giudice di pace
13 Febbraio a Nola: Tribunale “Reggia degli Orsini”
14 Febbraio a Pomigliano d’Arco: Ufficio giudice di pace
16 Febbraio ad Acerra: Piazza Duomo
17 Febbraio a Ottaviano: Ufficio giudice di pace
18 Febbraio a Nola: Tribunale “Reggia degli Orsini”
Tra i principali motivi dell’agitazione vi è l’aumento di oltre il 150% (così come recita il volantino) del costo a carico dei cittadini del contributo unificato per gli atti giudiziari (ovvero l’onere da versare per l’iscrizione di una causa sul registro degli atti giudiziari), dei bolli e dei diritti di cancelleria; la reintroduzione della Media-Conciliazione obbligatoria sempre a carico dei cittadini e l’introduzione della responsabilità solidale degli avvocati per presunta lite temeraria.
Il presidente dell’ordine degli avvocati di Nola, Francesco Urraro, dichiara: “siamo costretti a scendere in piazza per informare i cittadini sulle ragioni della protesta e le proposte per il palese diniego d’accesso alla giustizia che si sta concretizzando a partire da tre anni ad oggi. L’aumento ingiustificato dei costi e i recenti provvedimenti legislativi, che mortificano la funzione dell’avvocato, rappresentano un vero e proprio oltraggio alla democrazia”.
Presenti al presidio di questa mattina anche Italia Ferraro (vicepresidente dell’ordine), Aldo Maione e Agostino Maione, rispettivamente delegato ai rapporti con le associazione forensi e delegato alla cassa nazionale forense e il consigliere Luigi Barone, tutti appartenenti al mandamento di Sant’Anastasia.

I commenti sono disabilitati