Rock 2 (atto secondo), continua il viaggio nella musica che ci ha cambiato la vita. Al Pan fino al 26 Febbraio


Rock, una parola sdoganata di nuovo da Adriano Celentano. Ma Rock è anche uno stato d’animo, un modo di essere, un corto circuito ideale tra musica, cinema, letteratura, performing arts, teatro, arte visiva e la creatività in genere. Rock è il percorso che due giornalisti musicali di rilievo internazionale come Carmine Aymone e Michelangelo Iossa han messo su e portano in giro nei posti d’arte e non solo. Il ciuffo di Elvis, la linguaccia degli Stones, la mela verde e il sottomarino giallo dei Beatles, la lucertola di Jim Morrison, le camicie a fiori di Jimi Hendrix, la Gibson Les Paul di Jimmy Page e Slash, le collane di Janis Joplin, il dirigibile dei Zeppelin, i baffi di Frank Zappa, la banana dei Velvet Underground, i dreadlocks di Bob Marley, la canottiera bianca di Freddie Mercury, il maglione sdrucito di Kurt Cobain, il muro dei Pink Floyd, l’hallelujah di Jeff Buckley: fotogrammi sempre vivi, scatto di ribellione: per raccontare oltre mezzo secolo di musica, lo scorso anno è nata la mostra ROCK!, con 11.000 visitatori che hanno animato le sale del Palazzo delle
Arti Napoli: forti di questo consenso, la mostra torna a “invadere” – dal 14 gennaio al 26 febbraio
2012 – le sale del PAN. ROCK!2 si avvale nuovamente del Patrocinio del Consolato Generale degli Stati Uniti d’America a Napoli (che ha contribuito alla realizzazione dell’area tematica “Rock Anniversary USA”) e del Consolato Britannico di Napoli. Per questa sua seconda edizione alla mostra è stato concesso anche il Patrocinio da parte del Consolato Generale della Repubblica Federale di Germania
[email protected]

I commenti sono disabilitati