M5S, IL 18 MAGGIO A TORRE DEL GRECO LA “GIORNATA VERSO RIFIUTI ZERO” CON PAUL CONNET

timthumb

IL MoVimento 5 Stelle di Torre del Greco, in collaborazione con il presidente dell’associazione M0tus (Make 0 the ultimate solution), Luigi De Matteis, che da 4 anni organizza tour divulgativi rivolti a studenti e cittadini sull’ecologia ambientale e sociale per diffondere buone pratiche “green”, ha organizzato la Giornata verso Rifiuti Zero che si terrà il prossimo mercoledì 18 maggio a Torre del Greco. L’iniziativa nasce per promuovere una riflessione su un concetto cruciale per il benessere della collettività e del pianeta: il rifiuto, inteso in differenti accezioni, dai materiali di scarto urbani al “rifiuto” interiore, personale, sociale e relazionale. “Rifiuti” che, in modi diversi, rappresentano risorse inesauribili per noi stessi, per la società e per il mondo che abitiamo.
A relazionare sarà lo scienziato statunitense Paul Connett, Professore di Chimica ambientale a New York, attivista ambientale di fama internazionale e ideatore della teoria dei “rifiuti zero”.
Al mattino, Connet sarà in tour per le scuole della città mentre alle 18,30 parteciperà ad un convegno presso il Teatro S. Anna in via Madonna del Principio, 16 a Torre del Greco per illustrare “I Dieci Passi verso Rifiuti Zero”, ideati dal professore americano.

Parteciperà all’incontro anche il costituente Osservatorio dei Rifiuti. “ La giornata del 18 maggio – affermano i portavoce dell’M5S di Torre del Greco –  sarà l’occasione per fare il punto della situazione sui risultati raggiunti in questi anni e soprattutto sugli scenari futuri che si apriranno dopo l’adozione di modelli sostenibili per lo smaltimento dei rifiuti che escludano, a prescindere, l’incenerimento.  Questa iniziativa si colloca in una più ampia attività che il M5S di Torre del Greco sta portando avanti per la gestione dei rifiuti e l’adozione di modelli basati su principi ecologici e di sostenibilità per il nostro territorio, uno su tutti la gestione e la manutenzione delle isole ecologiche, troppo spesso luoghi malsani e abbandonati all’incuria, e ancora la raccolta dei rifiuti, per i quali non si intravede altra opportunità che quella del porta a porta, più volte richiesto”

I commenti sono disabilitati