La notte della Tammorra, festeggia undici primavere: il 13 e 14 luglio nella storica Piazza Mercato

“La Notte della Tammorra”, festival della musica e cultura popolare, ideato dal compositore napoletano Carlo Faiello e a cura de Il Canto di Virgilio si ripresenta , alla sua undicesima edizione , venerdì 13 e sabato 14 nella consueta cornice di Piazza Mercato (ormai divenuta sede storica della manifestazione). Dopo il grande successo di pubblico e critica riscosso nelle edizioni precedenti, anche quest’anno l’evento è presentato dal Comune di Napoli e dalla Regione Campania . Anche questa volta, l’obiettivo de “La Notte della Tammorra è quello di promuovere un Festival dedicato alla Tutela del Patrimonio Immateriale, alla difesa della Cultura Popolare; due giornate rivolte alla accoglienza e al confronto dei portatori di tradizione, dei costruttori di memoria, – artigiani, musicisti, associazioni e rappresentanti di comunità locali della Regione (e non solo) – che offriranno al pubblico campano e ai turisti un’occasione unica per testimoniare a favore del valore e dell’importanza della salvaguardia del patrimonio culturale della nostra terra.
Anche quest’anno i diversi appuntamenti promossi da “La Notte della Tammorra” saranno ricchi di musica, di danza, di canto che hanno come obiettivo quello di dimostrare il legame profondo e simbolico tra tradizione ed innovazione, per cui ricucire i fili del passato significa avere una solida tela nel futuro. Come per le passate edizioni si farà attenzione a non riproporre una rappresentazione nostalgica o oleografica, né tanto meno sarà una operazione erudita o dotta; ma si resterà fedele allo spirito per cui negli anni precedenti l’evento si è contraddistinto: una Grande Festa Popolare. Una successione di sonorità ancestrali prodotte da strumenti acustici andati in disuso e che sono prepotentemente tornati alla ribalta, come: Zampogne e Chitarre Battenti, Ciaramelle e Nacchere, ed, ovviamente; Tammorre… Si proporranno Tarantelle e Moresche, Tammurriate e Pizziche Tarantate, Saltarelli e Canti a Distesa, dando, inoltre, spazio anche alle inedite forme sonore di giovani musicisti che, utilizzando gli archetipi dell’arte popolare, offrono nuovi spunti per la musica contemporanea. I motivi d’interesse che portano a produrre e promuovere “La Notte della Tammorra on tour” sono molteplici: dal recupero della tradizione e dalla specificità  dell’evento alla sua moderna dimensione eco-culturale; dalla salvaguardia e la valorizzazione del patrimonio etnico alla diffusione del linguaggio arcaico; dai significati storici ed antropologici fino alle valenze attuali di una festa che si qualifica sempre più come momento di un’affermazione di tipo “identitario”, cioè, come la rappresentazione di un “Corpus Culturale” che la comunità della Regione Campania avverte come proprio ed esclusivo, e, ancora, come grande spettacolo di musica popolare che gli amministratori offrono al popolo campano, e, in particolar modo, a quel flusso di turisti che negli ultimi tempi sembra voler privilegiare un contesto di pura aggregazione soddisfacendo i bisogni di ordine socio-culturale.
Carlo Faiello

I commenti sono disabilitati