Jasmin Apolant, electroswing sexy targata Gravina. La dj franco berlinese mette i dischi e fa il bourlesque


Burlesque, burlesque e ancora burlesque: che sia sulla televisione nazionale o satellitare, oppure che
si tratti del grande schermo, oggi diventa sempre più facile trovarsi di fronte alla danza sensuale e provocatoria di una donna dalle forme generose… ecco perché si può affermare, senza alcuna esitazione,
che questo tipo di intrattenimento sia dunque la moda del momento. Ormai lontano dal carattere sovversivo delle origini, quando nell’Inghilterra Vittoriana si proponeva come una sorta di satira contro la classe dirigente, il “Neoburlesque” (così definito dopo che Dita Von Teese lo ha riportato in auge) sempre più spesso vede come protagoniste donne, si dalle curve sinuose, ma che comunque rientrano in quei canoni di bellezza imposti dalla cultura contemporanea: mentre in passato lustrini e costumi succinti “ricoprivano” corpi opulenti e imperfetti, oggi l’aspetto anticonformista di uno spettacolo che è nato come celebrazione del corpo femminile nella sua autenticità, è quasi del tutto scomparso. Ulteriore variante del burlesque, modernamente inteso, potrebbe essere quella di abbinarlo alla disco-music: l’idea è venuta a una dj berlinese che attualmente vive a Napoli, Jasmin Apolant con il suo progetto “Woo Hoo!”. Dopo aver appreso l’arte del burlesque a Parigi, seguita da una ballerina del famoso “Crazy Horse”, ha cercato di coniugare questa sua passione con un altro grande amore, quello per la musica: melodie molto ritmate che derivano dall’Electroswing e dalla musica anni Ottanta, si mescolano tra di loro per dare vita a un nuovo tipo di dance music, ed è proprio durante i suoi dj-set che vengono fuori, oltre a una fisicità tipicamente tedesca, anche le sue capacità di ballerina di burlesque. E di sicuro lo scorso 26 gennaio dopo la sua performance live il pubblico (soprattutto quello maschile) del Gravina 13 avrà trovato l’atmosfera del locale porticese particolarmente piccante.
Chiara Ricci
redazione@loravesuviana.it

I commenti sono disabilitati