Il sindaco Allocca rilancia l’azione di governo e “apre” a Lorenzo Metodio

sindaco allocca

Somma Vesuviana – Il sindaco Raffaele Allocca ha rispettato tutti i pronostici ed è di nuovo primo cittadino. Battuta al ballottaggio la consigliera regionale del suo ex partito, il Pdl, Paola Raia. Le elezioni ci hanno consegnato un consiglio comunale quasi del tutto di centro destra. Vede possibili degli allargamenti della maggioranza? Io oggi sono l’espressione di una serie di liste civiche, che in questo momento non hanno identificazione politica con altri simboli. In Consiglio Comunale chiederemo l’apporto di tutti per costruire un futuro roseo per la città. Ma se per centro destra si intende il Pdl, io non faccio più parte del Pdl. Entro il 25 luglio, quando ci sarà il primo Consiglio Comunale, mi presenterò alla cittadinanza con l’esecutivo già varato, ci saranno delle riconferme, ma anche dei nomi nuovi. Paola Raia non c’era alla cerimonia di proclamazione dei consiglieri, le risulta abbia rinunciato alla carica? Che non c’era l’hanno constatato tutti, se poi abbia rinunciato al suo seggio in Consiglio ancora non lo sappiamo. Dopo il primo turno elettorale sia la stampa sia autorevoli politici hanno dichiarato che la sua vittoria avrebbe garantito a Lorenzo Metodio un posto in Consiglio, tanto che giravano voci su possibili apparentamenti. Oggi lei e Sindaco e lui non risulta eletto, come mai? Per quanto riguarda l’aspetto tecnico della sua mancata proclamazione la spiegazione l’ha data il Viminale, e noi tutti non possiamo fare altro che attenerci alle sue decisioni. Politicamente, già al primo turno, ho espresso apprezzamenti positivi sulla bontà della persona e del politico Metodio. Riguardo a possibili apparentamenti penso che li abbia smentiti lui stesso durante il confronto pubblico tra i candidati a sindaco, dove ha detto che sperava di venire con me al ballottaggio, ma non avrebbe mai cercato alleanze. Io sono pronto a valutare un suo possibile ruolo nella macchina comunale, se lui vorrà proporsi. Cosa cambierà nel suo modo di amministrare con l’avvento della Città Metropolitana? Per quanto mi risulta la figura del sindaco rimarrà immutata. Le differenze si vedranno a partire dal prossimo presidente dell’area metropolitana che sarà eletto dai sindaci e dai consiglieri comunali. Sono convinto che Somma Vesuviana, politicamente e giuridicamente, avrà un ruolo importante in questa nuova realtà amministrativa. Spesso dimentichiamo che è tra le città più importanti dell’area vesuviana, per numero di abitanti, storia e posizione geografica. Cambierà qualcosa nel suo rapporto con il Parco Nazionale del Vesuvio? L’ente Parco Vesuvio è ancora piuttosto distante dai territori, in un momento in cui c’è sofferenza economica risulta molto difficile sovvenzionare adeguatamente le opere necessarie al suo corretto funzionamento. Sotto il profilo urbanistico noi siamo uno dei pochi comuni ad avere adottato il piano Parco, anche se questo non è stato ancora riconosciuto dalla Provincia e dalla Regione, proprio perché vogliamo instaurare con l’Ente un rapporto proficuo. Può rassicurare i cittadini riguardo le sue condizioni di salute? Il fatto stesso che oggi sia qui in Comune testimonia che non cambierà nulla. Non nego di avere un problema di salute, che sto combattendo con ottimi risultati. Grazie all’esperienza che ho maturato in questi anni credo che saprò dosare le forze per continuare a servire a pieno la mia città.
Daniele De Somma
[email protected]

I commenti sono disabilitati