I PERCORSI VERACI – A Napoli masterclass per pizzaioli, l’Associazione Verace Pizza Napoletana “Un modo utile per difendere l’originalità”

Pizzaioli a lezione per affinare l’arte della pizza e soddisfare al meglio le esigenze dei propri clienti. Nascono con questo intento ‘I Percorsi Veraci’, masterclass ad alto tasso formativo per un’autentica full immersion sulla vera pizza napoletana prodotta e lavorata secondo le antiche tradizioni e usanze partenopee. L’iniziativa è promossa dall’Associazione Verace Pizza Napoletana in collaborazione con il magazine ‘La Buona Tavola’.

I corsi, aperti a pizzaioli professionisti affiliati e non all’Associazione, sono gratuiti ma a numero chiuso e prenderanno il via il 17 aprile per poi concludersi il 23 novembre. Tre i moduli in cui la masterclass si articola: ‘formaggi e salumi’ dedicato ai prodotti caseari; ‘prodotti della terra’ in cui l’attenzione sarà focalizzata sui metodi di coltivazione e tipicità passando dal pomodoro del piennolo del Vesuvio Dop al pomodoro corbarino, sui metodi di trasformazione dei pomodori pelati fino alle tecniche di conservazione e utilizzo delle materie prime surgelate e alle diverse tipologie di olio; ‘abbinamenti’ in cui saranno approfondite tecniche di degustazione e di abbinamento di vini bianchi e rossi e della birra con la pizza.
”Questa offerta formativa – ha spiegato il presidente dell’Associazione Verace Pizza Napoletana, Antonio Pace – è un ulteriore tassello al lavoro che dalla nostra costituzione stiamo portando avanti. Abbiamo capito che aprirsi a quanti vogliono imparare l’arte della pizza e il mestiere di pizzaiolo è il modo più utile per difendere l’originalità e pertanto puntare sulla formazione è fondamentale”. A tenere i corsi saranno esperti del settore, docenti universitari e produttori ma anche rinomati chef campani che realizzeranno show cooking al termine di ogni masterclass. All’iniziativa hanno aderito gli chef stellati Michelin Paolo Gramaglia, Lino Scarallo e Gianluca D’Agostino e lo chef docente del Gambero Rosso Alfonso Crisci.
Con loro anche il vicepresidente regionale della FIC Ludovico D’Urso e Antonio Arfè del direttivo nazionale APCI. ”Con questa iniziativa – ha sottolineato Renato Rocco, direttore de ‘La Buona Tavola’ – vogliamo contribuire alla crescita del pizzaiolo che dopo il riconoscimento Unesco deve continuare a crescere. Il nostro scopo è far incontrare i pizzaioli con le aziende campane produttrici di eccellenza ma anche far crescere la consapevolezza dell’arte della pizza rendendola più fruibile al cliente sempre più esigente”. L’Associazione Verace Pizza Napoletana ad oggi conta 713 pizzerie affiliate in 40 Paesi nel mondo compresi Giappone e Stati Uniti e sono 468 i pizzaioli, italiani e stranieri, iscritti all’albo. Un comparto quello della pizza che produce nel mondo un fatturato annuo di 315 milioni di euro. L’Associazione inoltre è impegnata anche nel favorire l’utilizzo di materie prime di qualità legate soprattutto al territorio campano e in questa direzione ha aderito al progetto ‘Scegli Napoli’ promosso dal Comune di Napoli con cui – come ricordato dalla delegata del sindaco all’Autonomia, Flavia Sorrentino, si vuole sostenere l’economia locale promuovendo l’acquisto consapevole a favore del made in Naples. In sala anche l’assessore regionale alle Attività produttive, Amedeo Lepore, che ha evidenziato la necessità di ”difendere e valorizzare le nostre tipicità privilegiando la scelta dei prodotti campani d’eccellenza”.

 

I commenti sono chiusi, ma trackbacks e i pingback sono aperti.