Coronavirus, nuovo piano per gli ospedali della Campania: 1651 posti letto e 301 terapie intensive

L’obiettivo della Regione Campania è di raggiungere un numero di posti letto per pazienti Covid pari a 1.651: 301 di terapia intensiva, 296 di sub intensiva e 1.054 di degenza ordinaria. Questo prevede la Fase D del Piano di riorganizzazione della rete ospedaliera per l’emergenza pandemica.

Attualmente, la Campania dispone complessivamente di 930 posti letto, di cui 77 liberi. Il nuovo piano, quindi, prevede che vengano resi disponibili altri 721 nuovi posti. Nella nota, trasmessa ai direttori generali di tutte le Asl, le aziende ospedaliere e universitarie della Campania, viene definita la nuova disponibilità di posti letto Covid richiesta a ciascuna delle aziende.
Nel capoluogo sono previsti: 222 posti letto alla Asl Napoli 1 centro (82 terapie intensive, 28 subintensive e 112 degenze), 73 alla Napoli 2 nord (6 terapie intensive, 16 subintensive e 51 degenze), 143 alla Napoli 3 sud (13 terapie intensive, 16 subintensive e 51 degenze), 263 all’azienda dei colli (28 terapie intensive, 38 sub intensive e 197 degenze), 95 al Cardarelli (15 terapie intensive, 20 subintensive e 60 degenze). Altri 77 posti letto alla Federico II (20 terapie intensive, 12 subintensive e 45 degenze) e 50 alla Vanvitelli (6 terapie intensive, 14 subintensive e 30 degenze), 140 all’Asl di Caserta (12 terapie intensive, 33 subintensive e 95 degenze) e 63 al Sant’Anna e san Sebastiano (24 terapie intensive, 10 subintensive e 29 degenze).

Sono 110 i posti previsti all’asl di Salerno, di cui 14 terapie intensive, e 165 al Ruggi d’Aragona, di cui 32 terapie intensive. Per il Moscati di Avellino sono 103, di cui 20 terapie intensive, e 89 per il San Pio di Eenevento, di cui 16 terapie intensive.

 

I commenti sono chiusi, ma trackbacks e i pingback sono aperti.