Aveva in casa 77 uccellini di specie protette: liberati dai carabinieri sul Monte Somma

Lo aspettavano presso la sua abitazione carabinieri in borghese e personale N.o.g.e.z. (nucleo operativo guardie eco zoofile) quando M.P. è arrivato presso la sua abitazione di Somma Vesuviana alla guida della propria auto ed è stato bloccato dai carabinieri della stazione di somma vesuviana.

Perquisendo l’auto sono stati rinvenuti all’interno di stretti “trasportini” decine di uccellini selvatici di specie protetta come cardellini, verzellini, fanelli e fringuelli di evidente recente cattura nonché reti da uccellagione e meccanismi di attivazione (picchetti e corde); altri uccelli protetti e trappole sono stati trovati durante la perquisizione domiciliare.
Gli animali sono stati posti sotto sequestro e liberati poco dopo nel loro habitat, sul Monte Somma, come disposto dall’autorità giudiziaria, onde evitare che l’ulteriore permanenza in gabbiette potesse pregiudicarne definitivamente lo stato di salute, già provato dallo stress della cattura.

Il bracconiere, non nuovo a questi reati poiché colto in flagranza altre volte per identiche condotte illecite, è stato denunciato per ricettazione, detenzione illegale di fauna selvatica protetta e maltrattamento di animali.

I commenti sono chiusi, ma trackbacks e i pingback sono aperti.