Al Dipartimento di Scienze Sociali della Federico II Franco Crespi presenta “Esistenza-come-realtà. Contro il predominio dell’economia” e dialoga col filosofo Aldo Masullo

franco crespi

Presso l’aula magna del Dipartimento di Scienze   Sociali dell’Università di Napoli Federico II, si terrà la   presentazione dell’ultimo libro del sociologo Franco Crespi   “Esistenza-come-realtà. Contro il predominio dell’economia” (Orthotes   Editrice). Per Crespi, professore emerito di sociologia, la realtà non è solo   qualcosa che sta fuori di noi, imponendo dall’esterno le sue leggi e   le sue sanzioni, ma è anche il prodotto delle nostre immagini e   rappresentazioni, il risultato di ciò in cui crediamo. Nei secoli   passati gli esseri umani hanno costruito la loro realtà fondandola   prima sull’idea di Dio, poi sul Potere politico e infine sul Denaro e   l’Economia: tutte entità astratte al di sopra dell’individuo e di     fatto incontrollabili. Nell’epoca attuale, sembra finalmente venuto il   momento di assumere responsabilmente e attivamente la costruzione   della realtà a partire dalla nostra concreta esperienza di vita.   L’importanza che per noi hanno assunto i valori della qualità della   vita quotidiana, della libertà, della felicità e dell’amore, trova la   sua migliore espressione nell’idea di esistenza, come situazione   comune a tutti gli esseri umani dalla quale trarre i criteri per la     solidarietà sociale, i principî della politica, le scelte   dell’economia. Vogliamo andare verso una realtà dal volto umano   contraria a ogni ingiustizia, sopraffazione, violenza.
Crespi dialogherà con Aldo Masullo e sarà questo il momento più atteso   della presentazione: l’incontro tra due maestri della sociologia e   della filosofia che proveranno ad analizzare le contraddizioni della   società contemporanea. Interverranno Enrica Amaturo (Direttrice del Dipartimento di Scienze   Sociali), Massimo Cerulo (Università di Torino), Diego Giordano   (Direttore Orthotes). Modera Lello Savonardo (Università di Napoli   Federico II).

I commenti sono disabilitati