(VIDEO) Un angolo di paradiso nel cuore della “Portici di cemento” aperto alla cittadinanza: “Aspettando l’Orto del Re”, Arte e Cultura di scena nel real sito borbonico

Un bando ministeriale ha messo a disposizione un ettaro di terra dell’orto botanico di Portici, destinandolo ad un progetto di riqualificazione del territorio che si chiama “L’orto del Re”.

Questo progetto restituirà un giardino fruibile a tutta la cittadinanza, ricco di attività, laboratori, e colture borboniche a partire da settembre. L’associazione Naturarte si proclama vincitrice del bando, una realtà che coniuga insieme tre elementi: natura, arte e storia. Abbiamo potuto fare un assaggio di questa realtà durante la rassegna teatrale “Aspettando l’Orto del Re” che ha messo in scena uno spettacolo itinerante tra le meraviglie e la quiete del bosco.

Attraversando un cancello fronte strada ci si ritrova travolti da una storia che da vita all’orto riportandolo ai tempi borbonici. Non esiste palcoscenico e ne tantomeno sedute, il bosco diviene scenografia e lo spettatore entra nella storia che racconta di Filippo, primo erede della regina Maria Amalia tanto atteso e desiderato da tutto il regno. Lo spettacolo si intitola “Il sogno di un regno” ed è stato diretto artisticamente da Daniela Mancini durante un laboratorio teatrale che ha già “abitato” lo scenario fantastico del bosco in vista della realizzazione dell’ecomuseo. A raccontarcelo sono Angela Severino (agronoma, attrice e responsabile delle attività artistiche) e Daniela Mancini (danzatrice, regista e direttrice artistica) che stanno portando avanti il progetto ringraziando il centro Musa, il dipartimento agrario e gli altri sostenitori.

Aspettando settembre, per poter inaugurare insieme a Naturarte “L’orto del Re” che darà nuova vita ad un ettaro di terra dell’orto, invitiamo i nostri lettori a trarne beneficio. Bisognerebbe sempre rivalutare la natura e la terra darebbe sempre i suoi buoni frutti.

video e testo a cura di Florinda Valoroso

I commenti sono chiusi, ma trackbacks e i pingback sono aperti.