Un morto di camorra a Castellammare. In città si teme una nuova faida tra le nuove leve e gli storici d’Alessandro

A Castellammare si torna ad uccidere. Questa mattina intorno alle nove è morto Salvatore Polito di 50 anni. L’uomo è stato freddato a pochi passi da casa sua a Moscarella, uno dei quartieri dove negli ultimi anni ha dominato il clan Scarpa-Omobono. Quanto gli investigatori temevano avvenisse si sta consumando in queste ore. Si riaccende una faida tra le cosche stabiesi che per mesi aveva innescato tensioni tra Scanzano, il centro storico e Moscarella. Polito noto alle forze dell’ordine per i suoi rapporti con ii clan Imparato, da sempre avverso ai d’Alessandro, era poi passato tra le fila dei Cesarano. Ma secondo gli investigatori si era allontanato dagli ambienti della criminalità organizzata. Ora gli inquirenti dovranno passare al setaccio il suo presente e il suo passato per capire il movente di un omicidio che riapre la faida a Castellammare.
redazione@loravesuviana.it

I commenti sono disabilitati