TEATRO DIFFUSO – Ecco i  Racconti per ricominciare in 13 siti della Campania: più di 50 attori in scena per il festival green di Vesuvioteatro

Cinquanta attori per 13 spazi monumentali della Campania per la terza edizione di “Racconti per Ricominciare“, il “green festival diffuso” ideato da Vesuvioteatro con il coordinamento artistico di Giulio Baffi e Claudio Di Palma. Presentato in conferenza stampa alla Biblioteca Nazionale, la rassegna è ambientata, dal 26 maggio al 12 giugno, negli spazi all’aperto di siti del patrimonio culturale e paesaggistico della regione per realizzare percorsi di spettacolo dal vivo, con la messa in scena di circa trenta testi perlopiù inediti.

Un’esperienza teatrale immersiva ed ecosostenibile, è stato spiegato, che utilizza esclusivamente le scenografie naturali e architettoniche dei luoghi scelti e che, con la luce naturale e le voci non amplificate, bandisce qualsiasi forma di consumo energetico nei vari percorsi messi in scena prima del tramonto.
Storie di uomini e dei frammenti di un passato prossimo o remoto, invenzioni goliardiche e brillanti, suggestioni letterarie di un futuro di là da venire si offrono all’esperienza degli spettatori. Attori di più generazioni abiteranno gli spazi già protagonisti delle passate edizioni come il Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, Villa Fernandes e l’Orto Botanico della Reggia a Portici, Villa Campolieto, Villa Signorini, il Parco sul mare di Villa Favorita a Ercolano, Villa delle Ginestre a Torre del Greco, il Palazzo Reale di Quisisana a Castellammare di Stabia, la Villa Fiorentino a Sorrento, il Mulino Pacifico a Benevento. A questi si aggiungono per il 2022 la Villa Bruno di San Giorgio a Cremano, il Rione Terra di Pozzuoli, il Palazzo Vespoli a Massa Lubrense. “Sperimentiamo – sottolinea Giulio Baffi – nuove sinergie di scrittura, di culture, di storie per vivere insieme ancora una volta applaudendo i tanti racconti messi in scena per ricominciare”. Sessanta minuti circa per ogni percorso teatrale composto da quattro racconti della durata di circa quindici minuti ciascuno. Realizzata con la collaborazione di numerosi enti ed amministrazioni, la rassegna aderisce al progetto “Campania è” promosso dall’AGIS e dalla Regione Campania.

I commenti sono chiusi, ma trackbacks e i pingback sono aperti.