STRISCE E POLEMICHE – A Pomigliano d’Arco, continuano i lavori per la segnaletica orizzontale in città. Nel caos non solo le strisce per il parcheggio

POMIGLIANO D’ARCO – Non c’è pace per gli operai addetti a dipingere la segnaletica orizzontale . Da lunedì sono di nuovo al lavoro su nuove strisce bianche e tratteggiate, di fianco a quelle che evidenziano le aree sosta, sia bianche che blu. Un nuovo elemento di confusione per i cittadini che dal 15 ottobre si stanno abituando al nuovo piano di parcheggio a pagamento. Fonti vicine all’amministrazione, presieduta dal sindaco Lello Russo, fanno sapere che si tratta di segnaletica orizzontale che serve a «delimitare la carreggiata e distiguerla dalle aree sosta». Nel frattempo nelle strade del centro l’obiettivo di favorire un facile parcheggio sembra essere stato raggiunto: intorno Piazza Primavera e Piazza Mercato e nelle strade comemmerciali, come Viale Alfa e Via Ercole Cantone, è ora possibile lasciare l’auto facilmente, anche negli orari di punta, a patto di inserire almeno 10 centesimi per il tagliando nei vari totem dislocati sul territorio. Ma dove la striscia è bianca o non c’è le auto si affollano: proseguendo su viale Alfa verso gli stabilimenti ecco ricomparire le auto che sembravano scomparse. Si tratta per lo più di quelle di chi abita in zona oppure lavora nei tanti negozi e uffici lì vicino. Nel frattempo continua la battaglia del Codacons per annullare il piano sosta, a causa di presunte irregolarità. Nel ricorso presentato al Comune di Pomigliano e al tribunale ordinario si fa riferimento all’art.7 del Codice della Strada dove è scritto che un’amministrazione può «stabilire, aree destinate al parcheggio sulle quali la sosta dei veicoli è subordinata al pagamento».  Queste zone, secondo l’art.3 comma 1, sono «poste fuori della carreggiata, destinate alla sosta regolamentata (o non) dei veicoli». Da qui, secondo l’associazione consumatori pomiglianese coordinata da Mino Iorio, l’esigenza di definire in modo inequivocabile la carreggiata delle strade cittadine. «Questa amministrazione continua a fare le cose in modo grossolano – ha dichiarato Iorio – non c’è ancora traccia di misure per migliorare la viabilità per compensare questo sacrificio economico chiesto ai cittadini».
Daniele De Somma
redazione@loravesuviana.it

I commenti sono disabilitati