San Giorgio a Cremano per i professionisti e per i cittadini. Al via il Progetto “Giustizia per tutti”

1053213_1533975393582218_7679618700105361801_oSan Giorgio, 21 Dicembre 2015 – Sono partiti oggi a Villa Bruno i corsi di formazione professionale riservati agli avvocati, nell’ambito del progetto “La Giustizia per Tutti”, organizzato dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Napoli, con il patrocinio del comune di San Giorgio a Cremano. Al piano Nobile della storica villa settecentesca è iniziato il primo corso dal titolo “Previdenza e Deontologia Forense”, inaugurato dal presidente dell’Ordine degli Avvocati di Napoli, Flavio Zanchini, alla presenza del sindaco di San Giorgio, Giorgio Zinno.
Il progetto “Giustizia per tutti” è costituito da 14 incontri che si svolgeranno da oggi fino a maggio, sempre a San Giorgio a Cremano e che vedranno la partecipazione di centinaia di avvocati appartenenti al Foro di Napoli e non solo.
Tra gli argomenti previsti in calendario anche quelli relativo al Diritto di Famiglia e Minori, alle Sanzioni amministrative davanti al Giudice di Pace, ai Rapporti patrimoniali tra coniugi, oltre alla Deontologia forense.
A San Giorgio inoltre è attivo da anni uno Sportello legale gratuito istituito dal comune con la finalità di offrire ai cittadini bisognosi un servizio di informazione legale che possa aiutarli ad orientarsi nel complesso sistema della vita odierna, indirizzandoli, ove necessario, all’Istituto del patrocinio a spese dello Stato.
“Abbiamo deciso di ospitare questa serie di eventi di formazione – afferma il sindaco Giorgio Zinno – perchè riteniamo che un avvocato aggiornato sia un professionista migliore e quindi un cittadino consapevole dei propri diritti e doveri ma anche perchè eventi del genere hanno una ricaduta positiva sul nostro territorio, dal punto di vista economico e sociale. Lo sportello di consulenza legale poi, rappresenta una grande conquista sociale che assicura a tutti i cittadini l’esercizio del diritto alla difesa, abbattendo in tal modo il muro del disagio , dell’emarginazione e dell’indifferenza”.

I commenti sono disabilitati