Rubati i registri elettronici del Liceo Vittorio Imbriani

image1

Pomigliano d’Arco – È stato un sabato mattina amaro quello del Liceo Vittorio Imbriani: poco dopo la campanella d’ingresso docenti e studenti del plesso di Pratola Ponte, sede della direzione didattica, hanno scoperto il furto di 10 “registri elettronici” cioè 10 tablet che i professori utilizzano per catalogare le assenze degli alunni e per tutta una serie di operazioni utili allo svolgimento dell’attività scolastica.
Immediatamente sono stati allertati i carabinieri constatando che era possibile continuare l’attività scolastica senza interruzioni. Sul posto sono intervenuti i militari della stazione di Pomigliano d’Arco, coordinati dal maresciallo Domenico Giannini, e quelli della Compagnia di Castello di Cisterna, agli ordini del maggiore Michele D’Agosto.
Secondo le prime indagini i ladri sono entrati in azione intorno alle 2, nella notte tra venerdì e sabato. Per prima cosa hanno staccato il sistema di videosorveglianza e gli allarmi manomettendo una cassetta elettrica situata all’esterno dell’edificio, successivamente sono entrati nella scuola da un ingresso secondario, situato alle spalle di quello principale, dopo aver forzando la porta con un piede di porco. Una volta dentro hanno rubato quanti più tablet possibili, entrando nelle singole aule e scassinando gli armadietti metallici che li ospitavano. Secondo gli inquirenti questa ricostruzione indica un gruppo di ladri esperti, che, probabilmente, hanno eseguito il furto su commissione. Il valore della refurtiva è di circa 2mila euro, ma il personale scolastico sta provvedendo ad inventariare i beni all’interno della scuola per accertare che non manchi nient’altro.

I commenti sono disabilitati