LA GUERRA DEGLI EX – A San Sebastiano è scontro tra Antonio Muccio e il leader dell’opposizione Gennaro Manzo

San Sebastiano al Vesuvio – Sono stati per un periodo parenti ed hanno condiviso un percorso politico all’opposizione del Governo targato Capasso, poi (oggi) Sannino. Oggi Antonio Muccio e Gennaro Manzo si fanno la guerra. A mezzo social e c’è chi giura, presto, anche in tribunale. Antonio Muccio, da poco fuoriuscito assieme a Corinne Palumbo dalla coalizione che ha appoggiato alle scorse elezioni Manzo candidato a sindaco, sul suo profilo Facebook ha postato i suoi “100 motivi” per aver lasciato Manzo e andandoci giù duro ha sparato veleno sul modo non certo ortodosso di fare politica di Gennaro Manzo, che in città però non solo ha ottenuto molti consensi, ma soprattutto ha raggiunto ottimi risultati. “È di un’ignoranza imbarazzante, ha la terza elementare e si vede tutta. Tutti i suoi discorsi sono l’apoteosi degli orrori grammaticali. Ho capito con ritardo che di San Sebastiano a lui non interessa niente. E’ di Cercola. Sfruttando i legami all’epoca con la figlia mi ha trascinato in una politica dell’odio, dalla quale oggi mi sono finalmente liberato”. Uno dei post di Antonio Muccio che perde il suo tono pacato e si scaglia contro il suo ex suocero ed ex leader politico in città.

 

“Ho conosciuto con rammarico la scomposta reazione del consigliere Antonio Muccio al mio manifesto comunicativo del suo tradimento politico. Il consigliere elenca 100 motivi in base ai quali ha deciso di abbandonare lo schieramento grazie al quale è stato eletto”. Il commento di Manzo, sempre sui social. “Le sue affermazioni sono puro fango personale, tuttavia sufficiente a dare a me un solo motivo, uno e basta, per non rimpiangerlo. Purtroppo per lui l’educazione ed il rispetto sono valori che non si conseguono all’università. Con delusione, ho appurato che il rispetto è un valore che non gli appartiene, non ne ha mostrato per i cittadini che lo hanno votato all’interno della lista “il popolo di San Sebastiano Manzo sindaco” nè per me che gli ho dato questa opportunità in tutto e per tutto. Non ho come asserito dal consigliere Muccio la terza elementare, bensì la terza media. Non sto qui a giustificarmi del mio titolo di studio, l’epoca era diversa e non si avevano queste possibilità, tuttavia le abilità si vedono sul campo e con tutto il rispetto, non credo che il consigliere Muccio, ancora all’università a 34 anni possa insegnarmi nulla”, Il botta e risposta è continuo. La crisi nell’opposizione non fa che fortificare la maggioranza del sindaco Salvatore Sannino. In maggioranza, non commentano il possibile passaggio di membri dall’opposizione nel Governo della città.

I commenti sono chiusi, ma trackbacks e i pingback sono aperti.