I HAVE A DREAM: un incubatore per le idee dei giovani imprenditori della nostra città

VOLLA – Sogno per i miei e per i vostri figli, una città viva. Un luogo in cui quando nasce un bambino, si ha il piacere di farlo crescere lì, perché negli anni saremo stati bravi a diminuire l’altissimo tasso di disoccupazione, aumentarne la sicurezza e la qualità della vita. Sogno uno spazio pubblico dove incontrarsi, diverso dai luoghi chiusi. Sogno una piazza e un parco pubblico che sono mancati a me e purtroppo anche ai miei figli, durante la loro fanciullezza.  Centro della socialità, degli incontri, del vivere la città, lo spazio pubblico è l’elemento che delinea, più di altri, la forma urbana.  La città parte da qui, da questo punto, da questo incontro tra territorio e cittadini, luogo in cui sia possibile ritrovare la propria identità. Il tema architettonico  dello spazio collettivo, coincide ancora oggi con l’idea di piazza, ovvero un centro di convergenza, il luogo dell’incontro non solo dal punto di vista immateriale, nella concezione intrinseca che ha ogni individuo dell’idea di piazza, ma anche dal punto di vista fisico in quanto essa coincide dal punto di vista architettonico e urbanistico, con il baricentro in cui si riuniscono attività e servizi. Traccia portante nella definizione delle scelte progettuali è la flessibilità, partendo da quelle che sono le necessità dei fruitori della piazza, nasce un  progetto che prevede più funzioni e che finalmente rispondano alle esigenze della popolazione.  Il progetto prevede la delocalizzazione in un’area che si adatti al  meglio alle esigenze della popolazione e delle scuole ( elementare San Giovanni Bosco  e materna- media istituto comprensivo Matilde Serao) ubicate rispettivamente  in via Rossi e via Dante Alighieri,  occupa un area da 25000 mq.  Noi abbiamo un progetto, un’idea. Assieme a tutti voi vogliamo trasformarla in realtà e per questo che siamo un “cantiere” all’interno del quale devono convergere le energie di tutti. Il modello progettuale è costituito da una serie di volumetrie  che ospiteranno servizi e funzioni per la collettività,  prevede inoltre una grande area parco comprendente una pista ciclo-pedonale da 1300 m,  un polmone verde  con un’area  ludica per i bambini da 13000 mq  ed un parcheggio  interrato, elemento caratterizzante di funzionalità e qualità urbana-architettonica. Nella definizione della pianta  troviamo elementi di forte valore simbolico ripresi dall’identità locale, è previsto l’utilizzo pannelli fotovoltaici e pale eoliche in scala urbana. I materiali utilizzati per la piazza sono di natura ecocompatibile  così come la vegetazione alta  rigorosamente autoctona. Realizzabile in Progetto  Finanza  alle  casse comunali non graverebbe nessun costo, né di realizzazione né di gestione. L’auspicio è  aprire un dibattito quanto più ampio possibile e creare così un contatto continuo e stimolante con la cittadinanza.
Luciano Manfellotti
MODERATI PER VOLLA con Petrone sindaco

I commenti sono disabilitati