Falso sul casolare ad Arezzo, Bassolino rinviato a giudizio

casolare bassolino

Antonio Bassolino, ex sindaco di Napoli ed ex governatore della Campania, esponente del Pd, e’ stato rinviato a giudizio dal gip del Tribunale di Arezzo, per falso, insieme all’oncologo ed ex parlamentare Giuseppe Petrella, accusato di corruzione e falso in concorso con Bassolino, e all’ex funzionario del Comune di Cortona (Arezzo), Alvaro Fabrizi, per il quale l’ipotesi di reato e’ la corruzione. L’inchiesta, che risale al 2011, riguarda la ristrutturazione di un casale nel Cortonese. Il casolare e’ stato acquistato nel maggio del 2002 da Petrella per 120mila euro, ma in base a quanto ricostruito dal pm di Arezzo e dalla Gdf, il comproprietario di fatto sarebbe Bassolino. La casa colonica sarebbe poi stata ristrutturata commettendo pesanti illeciti edilizi, secondo l’accusa, e sui quali Fabrizi avrebbe prima ‘chiuso un occhio’, e poi si e’ dimesso da funzionario comunale per assumere la direzione dei lavori del cantiere e intascando, sempre secondo i pm, una mazzetta da 40mila euro.

redazione@loravesuviana.it

 

I commenti sono disabilitati